Scheda: Evento - Tipo: Culturale

Museomix 2017

La seconda edizione tutta italiana

Dal 1 al 30 settembre si apre la seconda e ultima call per iscriversi al format internazionale che trasformerà le collezioni e gli spazi del Museo Civico di Storia Naturale di Ferrara.


VIA FILIPPO DE PISIS 24

Inizio: 01 Settembre 2017
Seconda call

Fine: 30 Settembre 2017
Seconda call

Ampliare l'accesso al patrimonio naturalistico

Il 30 settembre chiuderà la seconda call per prendere parte a Museomix, il format internazionale che in 3 giorni di lavoro di squadra ripensa gli spazi museali da cima a fondo, con largo uso di nuove tecnologie e un approccio altamente sperimentale. Dall’1 al 30 settembre, infatti, chiunque vorrà potrà partecipare alla seconda edizione tutta italiana che, a Ferrara, prenderà vita all’interno del Museo Civico di Storia Naturale dal 10 al 12 novembre. Arriverà quindi il momento di abbattere gli approcci convenzionali, le barriere mentali e non solo, anche quelle architettoniche: il Museo di Storia Naturale e il suo staff non vedono l’ora di ripensare il modo di valorizzare le proprie collezioni (e perché no, anche tutti quegli esemplari conservati nei depositi, inaccessibili ai più). Obiettivo di Museomix è ampliare l’accesso al patrimonio naturalistico e, in generale, consentire a un numero sempre maggiore di pubblico, di apprezzare e comprendere le collezioni e vivere attivamente gli spazi del museo e lo fa mettendo in campo strumenti e competenze inedite, impensabili nella quotidiana gestione di un museo.

I profili per 'remixare' un museo

Oltre a una dose massiccia di entusiasmo, a rendere davvero fruttuosa l’esperienza sono i partecipanti, i così detti ‘museomixer’ a cui è dedicata la call internazionale: sei figure differenti che andranno a comporre una squadra, unita nell’ideare e creare i prototipi da installare nel museo e far testare al pubblico: maker, designer, programmatori, esperti di contenuti, mediatori e comunicatori. Sebbene la prima call di luglio abbia portato una maggiore affluenza rispetto al 2016, all’appello mancano ancora alcuni designer, capaci di dare carattere ai progetti attraverso l’elaborazione grafica, l’illustrazione, la creazione di un sito internet, una serie di effetti sonori o di oggetti di scena; qualche esperto dei contenuti museali, ossia in conservazione, scienze naturali e biologia; sono rari i programmatori che mastichino embedded system, ad esempio Arduino, o che si occupino di mobile, dekstop e web development, oppure di creative code, ad esempio Processing e PureData; vere e proprie mosche bianche restano i maker, così gli esperti di CAD e di disegno industriale, i bricoleur, i sarti, i carpentieri e gli artigiani, in sostanza, i tradizionali “tutto fare”. Chiunque si ritrovasse in una di queste descrizioni e volesse immergersi nell’esperienza è caldamente invitato a candidarsi andando sulla pagina web www.museomix.it/seconda-call-museomixer-2017/.

Un'esperienza unica nel suo genere

Non è da tralasciare che i museomixer arruolati nell’impresa creativa avranno l’occasione di esprimersi dentro un fablab attrezzato di tutto punto, insieme a tecnici del livello di Roberto Meschini di Tryeco 2.0 e Lucio Agnelli di MakeInCo, o di immergersi a qualsiasi ora del giorno nelle collezioni del museo. Avranno a disposizione diverse figure professionali che gli offriranno supporto con le loro conoscenze nel settore, tra queste persino un tassidermista. La testimonianza di chi ha partecipato alla passata edizione: Chiara Guglielmucci, giovane ferrarese che ha preso parte alla scorsa edizione al Museo Carlo Zauli di Faenza, non si lascerà scappare questa call: «Partecipare a Museomix è un’esperienza speciale. Ti permette di conoscere quello che gravita dietro le quinte di un museo e di aiutarlo concretamente, proponendo progetti sperimentali cuciti su misura. Ti metti in gioco con altri professionisti appassionati e non sai mai cosa aspettarti… ci si diverte tanto». Per info inviare un’email a ciao@museomix.it

Luoghi correlati

Eventi correlati

Ente Responsabile

  • Assessorato alla Cultura e al Turismo, Comune di Ferrara