Scheda: Luogo - Tipo: Vie e Piazze

Corso della Giovecca al tempo di de Chirico

Cartolina anni 10', © archivio privato di Alberto Cavallaroni

Una tra le strade più tipiche della Ferrara rinascimentale, venne tracciata al tempo dell'Addizione Erculea sopra l'interrata Fossa della Zuecca.


 


Lat: 44.83875 Long: 11.62148

Indice

Categorie

  • viale | via

Tag

  • Ferrara Metafisica

Testimonianze

“Penso a te [Antonia] quando mi trovo fuori nelle ore pomeridiane; penso a te che passi per via Giovecca, e poi varchi il fronte del castello; ma forse ora segui un altro itinerario”.

Lettera di de Chirico ad Antonia Bolognesi, 18 agosto 1919, in Eugenio Bolognesi, Alcesti. Una storia d’amore ferrarese, Maretti Editore, Roma 2014, pp. 152-153.

 

“Ad aumentare la potenza metafisica di Ferrara concorrono alcune fatali disposizioni topografiche: così quella meravigliosa via Giovecca che a levante termina nel montagnone, ove una costruzione semicircolare, simile alla poppa di una nave, strapiomba sul pelago della campagna romagnola e conferisce a quel punto della città un che di marittimo e di portuale, mentre a ponente, per le rette del viale Cavour e del viale Cesare Battisti, il senso metafisico della via Giovecca va a morire nella nostalgia della stazione ferroviaria, tra il groviglio dei binari e il frastuono dei convogli”.

Giorgio de Chirico, Previati, in Il Convegno: rivista di letteratura e di tutte le arti”, anno I, n. 7, agosto 1920.

 

 

Luoghi correlati

Soggetti correlati

Itinerari correlati

Ente Responsabile

  • Gallerie d'Arte Moderna e Contemporanea di Ferrara
  • Fondazione Ferrara Arte